NOVITÀ 2018: la Ricetta Veterinaria Elettronica

Il decreto legge 25 Luglio 2018, n. 91 e successive modifiche, stabilisce che la prescrizione dei medicinali veterinari è redatta esclusivamente secondo il modello di ricetta elettronica a decorrere dal 1° Gennaio 2019.

La Ricetta Veterinaria Elettronica sostituisce la forma cartacea della ricetta veterinaria sull’intero territorio nazionale. Essa non è la semplice trasposizione della ricetta cartacea in un “PDF”, ma una modifica sostanziale del precedente modello organizzativo e operativo di gestione dei medicinali veterinari, attraverso la completa digitalizzazione dell’intero processo di prescrizione e tracciabilità del farmaco, dalla prescrizione veterinaria, ai registri aziendali dei trattamenti effettuati e del carico-scarico dei farmaci da magazzino. L’obiettivo primario è quello di raggiungere un efficace controllo dell’utilizzo di farmaci sugli animali, aumentando la sicurezza degli alimenti con particolare attenzione ai residui di medicinali e all’antibiotico-resistenza.

Tuttavia, la digitalizzazione della ricetta veterinaria non si applica ai medicinali veterinari contenenti sostanze stupefacenti e psicotrope ai sensi del DPR 309/90. Per questa tipologia di medicinali viene mantenuta la prescrizione cartacea.

Il nuovo flusso di gestione tramite ricetta digitale comprende la possibilità che la ricetta non si stampi. Infatti, una volta emessa dal veterinario,

la ricetta elettronica è disponibile online e rintracciabile tramite il numero identificativo e il codice PIN. Il PIN, che cambia da ricetta a ricetta, permette di garantire l’opportuno livello di privacy nell’accesso alle ricette.

L’acquisto dei medicinali si articola nelle seguenti fasi:

Se la farmacia non dovesse avere tutti i medicinali prescritti nella ricetta elettronica, potrà effettuare la vendita parziale, dispensandone quindi solo una parte, lasciando libero l’acquirente di rifornirsi per le confezioni mancanti presso un’altra farmacia.

L’introduzione di questo nuovo sistema offre una serie di vantaggi:

  • AUMENTA la tutela della salute pubblica
  • FAVORISCE l’uso corretto dei medicinali veterinari
  • RILEVA il consumo reale dei medicinali veterinari
  • RAFFORZA la lotta all’antimicrobico-resistenza
  • MIGLIORA il sistema di tracciabilità dei medicinali veterinari
  • RIDUCE gli adempimenti e i costi
  • RENDE più efficiente l’attività di farmacovigilanza e di analisi del rischio sanitario
  • RINFORZA il ruolo del medico veterinario quale UNICO gestore del medicinale veterinario