Come contrastare la sindrome primaverile

Stanchezza, sonnolenza e difficoltà a mantenere la concentrazione sono sintomi tipici del cambio di stagione. Il periodo critico è l’inizio della primavera in cui il cambio climatico e l’allungamento delle giornate rappresentano fattori di stress per il nostro organismo che ha bisogno di riadattarsi ai ritmi sostenuti della natura e per far fronte al maggior bisogno di energia, produce in quantità più elevate il cortisolo, noto come “ormone dello stress”. Inoltre, l’elevata instabilità meteorologica che contraddistingue questa stagione può

scatenare repentini cambi di umore che danno vita a stati di irrequietezza e nervosismo.
Per affrontare questo stato, riconosciuto anche a livello medico con la sigla SAD “Seasonal Affective Disorder”, è necessario migliorare le proprie abitudini quotidiane. Innanzitutto, l’alimentazione svolge un ruolo fondamentale per il benessere dell’organismo. È, dunque, preferibile consumare pasti leggeri ricchi di frutta fresca e secca, verdura, cereali integrali, carni magre, alimenti ricchi di vitamine, ed evitare cibi difficilmente digeribili. Anche l’attività fisica può aiutare nel periodo di transizione dalla primavera all’estate: sono sufficienti 30 minuti di attività al giorno meglio se svolti all’aria aperta, in modo da permettere al fisico di abituarsi gradualmente al cambio stagionale.

Accanto ad un corretto regime alimentare e ad una sana attività sportiva, è essenziale consumare grandi quantitativi di acqua. L’acqua è una delle componenti principali del nostro organismo poiché rappresenta il veicolo attraverso il quale avvengono le reazioni biochimiche e permette l’eliminazione delle tossine. La carenza di tale elemento, avvertita mediante lo stimolo della sete, può causare uno stato di disidratazione che non consente al corpo di funzionare regolarmente.

Non sempre, però, l’alimentazione è sufficiente per combattere questi sintomi; è quindi opportuno ricorrere ad alcuni specifici integratori contenenti importanti fattori nutrizionali. Tra i fattori energizzanti, le vitamine del gruppo B rivestono un ruolo cardine in quanto migliorano l’assimilazione di carboidrati e proteine, e stimolano i processi metabolici potenziando i muscoli e il sistema nervoso. Tra gli antiossidanti, invece, si ritrovano ai primi posti la vitamina C e la vitamina E, che contribuiscono alla protezione dallo stress ossidativo.
Infine, l’assunzione di sali minerali, tra cui magnesio, potassio, manganese, ferro, calcio, zinco e rame, è indispensabile non soltanto per le loro importanti attività dirette (ad esempio: potenziamento muscolare, stimolazione del sistema immunitario, azione antinfettiva ecc…), ma anche perché alcune vitamine per essere utilizzate dall’organismo hanno bisogno di opportune quantità di oligoelementi. Questi micronutrienti devono essere introdotti in quantità adeguate, per tale motivo il consiglio del farmacista è cruciale nella scelta del rimedio più adatto alle proprie esigenze.

Prenota farmaco
Per prenotare un farmaco per il ritiro in farmacia scrivere :
Nome e Cognome, codice fiscale, numero ricetta, nome del farmaco e quantità richiesta e la farmacia dove ritirare.
L'elenco delle farmacie lo potete trovare su questo sito.

Il servizio è sospeso dal 17 al 23 agosto .
Riprenderà regolarmente da Lunedì 24 Agosto.