Intestino pigro? Non disperare, il rimedio per rimetterlo in moto c’È!

 

La stitichezza (o stipsi) è un disturbo legato alla difficoltà di svuotare del tutto o in parte l’intestino espellendone le feci, ed è il risultato di un’alterazione della peristalsi intestinale. I disturbi della propulsione possono essere correlati ad una ridotta massa fecale (diete incongrue, scarso introito di fibre, alterazioni elettrolitiche) o ad alterazioni funzionali intestinali come la stipsi cronica a lento transito. Altre cause principali sono la disbiosi, la sedentarietà, lo stress da vita frenetica, un’alimentazione con cibi troppo raffinati e privi di fibre, la scarsa attività fisica e la scarsa assunzione di liquidi. In molti di questi casi, è possibile risolvere la problematica senza ricorrere all’uso di farmaci, ma correggendo semplicemente le abitudini alimentari e rispettando la fisiologica funzionalità intestinale grazie all’assunzione di specifici integratori alimentari.

Tra le soluzioni impiegate per affrontare la stipsi occasionale vengono spesso utilizzati lassativi contenenti sostanze antrachinoniche estratte dalla Senna, dalla Frangula e dal Rabarbaro che, irritando l’epitelio enterico, accrescono la motilità intestinale. Queste soluzioni, molto utili per risolvere situazioni d’emergenza, sono estremamente dannose per utilizzi prolungati.

Per favorire il transito intestinale, devono essere preferiti quindi rimedi più “soft”. Tra questi, i più noti sono i rimedi osmotici, tra cui Manna, Lattulosio, Prugna e Tamarindo, che richiamano acqua nell’intestino e quindi aumentano il volume della massa fecale favorendo così lo svuotamento dell’intestino. Inoltre, di questa categoria fanno parte altre specie botaniche come lo Psillio, l’Agar-Agar, il Lino (semi), che grazie alle loro mucillagini sono in grado di svolgere un’azione emolliente e lenitiva sull’apparato gastrointestinale favorendo lo svuotamento dell’intestino tramite l’aumento del volume della  massa fecale e della motilità.

Tra gli integratori più innovativi ci sono quelli che sono formulati da più componenti con attività complementare per la risoluzione di tutte le problematiche legate alla stipsi. Essi sono costituiti da estratti vegetali di Psillio, Zenzero, Tamarindo ed enzimi digestivi vegetali. Inoltre, in alcuni casi sono arricchiti con succo concentrato di Pera, utile per favorite la regolarità intestinale.

Lo Zenzero è una pianta erbacea originaria dell’Estremo Oriente. Presenta un rizoma carnoso da cui si estraggono importanti principi attivi funzionali denominati gingeroli (responsabili del tipico pizzicore percepito sul palato). Grazie a questi costituenti lo Zenzero viene definito come “procinetico naturale” perché è in grado di stimolare i fisiologici movimenti peristaltici di tutto il tratto gastrointestinale.

Lo Psillio è una pianta di cui vengono impiegati i piccoli semi di colore nero, insapori e inodori, contenenti una mucillagine che a contatto con l’acqua si rigonfia e aumenta di volume. Il gel che in questo modo si genera nell’intestino aumenta il volume della massa fecale, ne ammorbidisce il contenuto e stimola meccanicamente la peristalsi facilitando lo svuotamento intestinale. Inoltre la mucillagine dello Psillio possiede proprietà prebiotiche che stimolano la crescita della microflora nel colon.

Gli enzimi vegetali digestivi sono catalizzatori naturali che vengono estratti da cereali fermentati e migliorano i processi digestivi riducendo la formazione di gas intestinali. Tra questi vi sono le Amilasi che metabolizzano l’amido, le Lattasi che agiscono sulla digestione del lattosio, le Lipasi su quella dei grassi e le Cellulasi che idrolizzano le grosse molecole di cellulosa.

Questi prodotti vengono dispensati in Farmacia sottoforma di bustine. Si consiglia la somministrazione di 1 bustina, 2 volte al giorno lontano dai pasti (colazione e pranzo). Per l’assunzione è necessario versare il contenuto di una bustina in un abbondante bicchiere d’acqua non gassata, mescolare bene e bere immediatamente. Bisogna, inoltre, distanziare di almeno 2 ore l’assunzione del prodotto da eventuali farmaci in quanto la fibra di Psillio potrebbe ritardare l’assorbimento intestinale dei medicinali.

Prenota farmaco
Per prenotare un farmaco per il ritiro in farmacia scrivere :
Nome e Cognome, codice fiscale, numero ricetta, nome del farmaco e quantità richiesta e la farmacia dove ritirare.
L'elenco delle farmacie lo potete trovare su questo sito.

Il servizio è sospeso dal 17 al 23 agosto .
Riprenderà regolarmente da Lunedì 24 Agosto.