Antibiotico? Sì, ma con cautela!

  • Cosa sono gli antibiotici?

Gli antibiotici sono una classe di farmaci grazie ai quali la ricerca scientifica è riuscita a migliorare la salute dell’uomo riducendo parecchio la sua mortalità. Dal punto di vista farmacologico, gli antibiotici sono sostanze ottenute da organismi viventi o sintetizzate in laboratorio, in grado di impedire la crescita dei microrganismi e addirittura di provocarne la morte.
Pertanto, questi farmaci vengono impiegati per curare o prevenire infezioni causate esclusivamente da batteri, impedendo la loro moltiplicazione e diffusione all’interno dell’organismo. Non sono utili invece per curare infezioni virali, come ad esempio il raffreddore o l’influenza.

  • Come vanno assunti?

Gli antibiotici vanno assunti solo dopo valutazione da parte di un medico. Non sono infatti medicinali di automedicazione e, in farmacia, possono essere venduti solo dietro la presentazione di ricetta medica. Una volta acquistato il farmaco, è fondamentale seguire scrupolosamente le indicazioni del medico, assumendone le dosi consigliate, senza eccedere o ridurre autonomamente il dosaggio e senza interrompere la cura prima del tempo indicato. Un comportamento non corretto, infatti, potrebbe ridurre l’efficacia della terapia e aumentare il rischio che i batteri sviluppino resistenza all’azione di quell’antibiotico, rendendolo inutile.

  • Come nasce l’antibiotico-resistenza?

La resistenza agli antibiotici è un processo naturale derivante da mutazioni genetiche che permette ai microrganismi di sviluppare dei sistemi di difesa che ne garantiscono la sopravvivenza. Da quando la medicina ha cominciato ad utilizzare grandi quantità di antibiotici, questo fenomeno naturale si è notevolmente amplificato: ad ogni ciclo di antibiotici, solo i batteri resistenti  sopravvivono diventando dominanti, essendo gli unici in grado di continuare a crescere.
Il fenomeno più inquietante che si sta espandendo a livello mondiale è l’accumulo di più forme di resistenza in un singolo batterio. Questi batteri multi-resistenti riescono a sopravvivere anche a classi differenti di antibiotico e alcuni di essi sono addirittura in grado di resistere a qualsiasi antibiotico conosciuto.

  • Come fanno i batteri a resistere?

I batteri resistono agli antibiotici in modi diversi:

  • espellendo l’antibiotico,
  • rendendo la propria membrana impermeabile all’antibiotico,
  • modificando la struttura dell’antibiotico rendendolo inattivo,
  • modificando le proprie proteine con le quali l’antibiotico interagisce.

 

  • Perché la resistenza agli antibiotici è un problema?

Il trattamento delle infezioni dovute a batteri resistenti è un serio problema di sanità pubblica. In caso di resistenza agli antibiotici comunemente usati, infatti, il medico dovrà scegliere un antibiotico alternativo e ciò può ritardare l’inizio del trattamento efficace per i pazienti e causare complicanze, incluse invalidità permanenti e decesso. Inoltre, il paziente potrebbe aver bisogno di più antibiotici che potrebbero avere effetti collaterali più pesanti. Il rischio più temuto è quello di arrivare al punto di rimanere impotenti di fronte ad una minaccia infettiva in seguito all’assenza di un antibiotico efficace a contrastare la proliferazione dei batteri resistenti.

  • Cosa si può fare per arginare il problema?

Il punto chiave per prevenire l’insorgenza e la diffusione della resistenza resta quello di impiegare gli antibiotici in maniera prudente. A tal fine sono importanti anche l’attuazione di buone pratiche di controllo delle infezioni e la promozione della ricerca per lo sviluppo di nuovi antibiotici con nuovi meccanismi d’azione.

  • ..

Gli antibiotici sono un bene prezioso che si sta esaurendo nel tempo. Affinché la loro efficacia possa rimanere inalterata in futuro è necessario che tutti contribuiscano attraverso un uso corretto e responsabile del farmaco. Un uso scorretto degli antibiotici potrebbe, infatti, portarci indietro nel tempo, quando ancora non esistevano e le malattie infettive avevano frequentemente un esito fatale.

Usare bene gli antibiotici è una responsabilità del singolo nei confronti della propria salute e della collettività, poiché permetterà a tutti di avere sempre a disposizione medicinali efficaci per le malattie batteriche.

Prenota farmaco
Per prenotare un farmaco per il ritiro in farmacia scrivere :
Nome e Cognome, codice fiscale, numero ricetta, nome del farmaco e quantità richiesta e la farmacia dove ritirare.
L'elenco delle farmacie lo potete trovare su questo sito.

Il servizio è sospeso dal 17 al 23 agosto .
Riprenderà regolarmente da Lunedì 24 Agosto.