Salute e Benessere del cuoio capelluto

Psoriasi o dermatite seborroica? facciamo chiarezza.

Il cuoio capelluto può essere sede di patologie dermatologiche di natura infiammatoria caratterizzate da eritema e desquamazione e accompagnate da prurito e bruciore. Le patologie eritemato-desquamative più frequenti del capillizio sono la psoriasi e la dermatite seborroica. Entrambe queste dermatiti sono associate all’infezione da lievito Malassezia furfur e spesso sono clinicamente indistinguibili.

La psoriasi del capillizio è caratterizzata da chiazze eritemato-desquamative ben demarcate con squame di colorito bianco. Le lesioni spesso debordano oltre l’attaccatura dei capelli a livello della linea fronto-temporale e in regione retro auricolare. La desquamazione può essere localizzata o diffusa. Solitamente non causa la caduta dei capelli, ma è possibile che si verifichi una riduzione della densità dei follicoli piliferi a livello delle placche psoriasiche. La caduta massiva dei capelli con alopecia cicatriziale può verificarsi nelle forme più gravi di psoriasi eritrodermica. Tale patologia, come la psoriasi che colpisce gli altri distretti corporei, è un’affezione cronica che comporta un approccio terapeutico continuo e metodico.
Esiste un elevato numero di approcci terapeutici. Questi variano da agenti topici come i corticosteroidi e gli analoghi della vitamina D alla fototerapia e agli shampoo. Tuttavia, in rapporto alla psoriasi del corpo, la psoriasi dello scalpo è più difficile da curare dal momento che la superficie cutanea del cuoio capelluto è relativamente inaccessibile per la presenza del fusto pilifero, con conseguente riduzione dell’efficacia delle terapie topiche dermatologiche.
Nell’ambito della dermatite seborroica del capillizio è possibile distinguerne due forme:

  • Dermatite seborroica infantile del lattante (o crosta lattea)
  • Dermatite seborroica dell’adulto

La crosta lattea compare nelle prime settimane di vita e risolve spontaneamente entro il terzo mese, raramente dura fino al sesto. È una forma caratterizzata da chiazze eritemato-desquamative localizzate sul cuoio capelluto in regione fronto-temporale, sulla glabella e sulle arcate sopraccigliari. Le squame possono essere furfuracee, untuose e gialle. Questa forma di dermatite non sembra essere causata da una carenza di fattori nutrizionali anche se tra le ipotesi eziologiche viene discussa una carenza, nella dieta materna, di biotina, zinco e acidi

grassi essenziali. Il trattamento della crosta lattea prevede l’utilizzo di prodotti contenti acido salicilico al 3% in olio per facilitare la rimozione delle squame, shampoo contenti antimicotici (proctone olamina e zinco) e, solo in casi estremamente gravi, prodotti contenenti topici steroidei di bassa potenza.

La dermatite seborroica del capillizio dell’adulto, invece, ha un andamento cronico recidivante con miglioramento nella stagione estiva e peggioramento in quella invernale e si manifesta con desquamazione (forfora) con o senza eritema cutaneo e prurito. Nella patogenesi della forfora è determinante il lievito lipofilo Malassezia furfur che induce una reazione infiammatoria del cuoio capelluto. Clinicamente si distinguono due tipi forfora: secca e grassa. La forfora secca si manifesta con squame bianche, di piccole dimensioni e di aspetto polveroso.

Quella grassa, invece, si associa generalmente ad episodi infiammatori dello scalpo e si manifesta con squame gialle e di dimensioni più grandi. La terapia topica prevede l’impiego di dermocosmetici ad azione antimicotica e antinfiammatoria, corticosteroidi e raggi UV.

Gli stati eritamato-desquamativi del capillizio e le varie forme di alopecia determinano nei pazienti portatori sensazioni di disagio psicologico e riduzione dell’autostima. Pertanto, risulta estremamente importante potenziare l’efficacia del trattamento farmacologico associando alla terapia una corretta igiene del cuoio capelluto, impiegando prodotti come: shampoo specifici e delicati, lozioni capillari, balsami  e condizionanti.

Mantenere i capelli in buona salute: basta poco!

Prenota farmaco
Per prenotare un farmaco per il ritiro in farmacia scrivere :
Nome e Cognome, codice fiscale, numero ricetta, nome del farmaco e quantità richiesta e la farmacia dove ritirare.
L'elenco delle farmacie lo potete trovare su questo sito.

Il servizio è sospeso dal 17 al 23 agosto .
Riprenderà regolarmente da Lunedì 24 Agosto.